Malattia trofoblastica: classificazione, diagnosi, segni, cause

Contenuto

  • 1 Che cos'è e classificazione delle malattie trofoblastiche
  • 2 Cause della malattia trofoblastica
  • 3 I sintomi della malattia trofoblastica
  • 4 Diagnosi di malattia trofoblastica
  • 5 Trattamento della malattia trofoblastica
  • 6 Previsioni e possibili conseguenze
  • 7 Conclusione

La malattia trofoblastica è una diagnosi che si verifica durante la gravidanza o dopo la sua interruzione. Il principale fattore di rischio è il concepimento tardivo nelle donne. Di solito - dopo 35 anni. La malattia trofoblastica ha un codice ICD 10 C58 e combina diverse varianti di diagnosi associate a varie forme di neoplasia proliferativa del trofoblasto.

Che cos'è e classificazione delle malattie trofoblastiche

La malattia trofoblastica durante la gravidanza è una malattia neoplastica. Lo sviluppo di una neoplasia maligna si verifica nello strato esterno del guscio dell'embrione (trofoblasto). In ginecologia, questa malattia è piuttosto rara, si verifica nell'1,5-2% dei casi su 100. Il sito principale di localizzazione del tumore è quasi sempre la cavità uterina. In termini percentuali, la patogenesi della malattia trofoblastica è sotto forma di:

instagram viewer

  • deriva idatiforme completa - circa il 72%;
  • deriva idatiforme parziale - circa 5%;
  • corioncarcinoma - 17,5%;
  • altre opzioni - 5,3%.

Avvertimento! L'eziologia della malattia trofoblastica può essere benigna o maligna.

Secondo la classificazione clinica, è consuetudine distinguere i seguenti tipi di malattia trofoblastica:

  1. 1 - la localizzazione della neoplasia è limitata alla cavità uterina.
  2. 2 - la neoplasia si estende al legamento dell'utero, alle appendici e alla vagina, ma la formazione avviene solo all'interno dei genitali.
  3. 3 - non sono interessati solo i genitali, compaiono metastasi nei polmoni.
  4. 4 - oltre alle metastasi nei polmoni, sono colpiti il ​​fegato, la milza, i reni, il cervello e gli organi del tratto gastrointestinale.
Malattia trofoblastica: sintomi, trattamento, linee guida cliniche

La malattia trofoblastica con neoplasia maligna può avere un decorso clinico metastatico o non metastatico.

Secondo la base istologica, la diagnosi ha i seguenti tipi:

  • deriva parziale o totale;
  • talpa invasiva;
  • endometrite sinciale;
  • coriocarcinoma.

La malattia trofoblastica gestazionale è quella che ha una combinazione di tutti i tipi di cui sopra.

Cause della malattia trofoblastica

Vari tipi di diagnosi di malattia trofoblastica sono considerati dalla ginecologia oncologica come un unico processo. Tra i prerequisiti viene presa in considerazione l'influenza di vari virus, tra cui l'influenza, le caratteristiche delle uova della donna, i fattori immunologici, la carenza proteica, le aberrazioni cromosomiche e la crescita della ialuronidasi.

Ci sono anche ulteriori prerequisiti che contribuiscono allo sviluppo della malattia:

  • età superiore ai 35 anni, in particolare oltre i 40 anni;
  • una storia di aborto spontaneo;
  • aborti;
  • gravidanza extrauterina;
  • parto.

Il carcinoma corionico si sviluppa spesso dopo una precedente mola idatiforme, in particolare la sua forma completa.

Importante! La malattia trofoblastica è più comune nei rappresentanti dei paesi dell'est.

I sintomi della malattia trofoblastica

I segni della malattia trofoblastica dipendono dal suo tipo istologico:

  1. Deriva vescicale, parziale o completa - sintomi di una gravidanza mancata, aumento dell'utero, sanguinamento vaginale. Inoltre, questo tipo di malattia trofoblastica è caratterizzata da un alto livello di hCG.
  2. Talpa invasiva - forte dolore nell'addome inferiore, sanguinamento uterino.
  3. Coriocarcinoma - macchia di un colore marrone scuro che si verifica al di fuori del ciclo mestruale, rugosità e gonfiore del seno, una violazione degli ormoni, un aumento della cavità uterina.
  4. Endometrite sinciziale - presenza di secrezione sanguinolenta.
Malattia trofoblastica: sintomi, trattamento, linee guida cliniche

Un sintomo importante nella diagnosi è la presenza di inclusioni sierose-purulente nella scarica sanguinolenta.

Se si verificano metastasi in altri organi, i sintomi caratteristici sono:

  • sanguinamento intra-addominale;
  • forte dolore all'addome, che ricorda la natura del combattimento;
  • aumento della temperatura corporea;
  • secrezione di colostro, ingrossamento delle ghiandole mammarie nel torace;
  • se il tumore è nei polmoni - tosse, dolore al petto;
  • nel tratto gastrointestinale - diarrea, indigestione generale;
  • nel cervello - nausea, incoordinazione, forti mal di testa.

Ulteriori sintomi della malattia includono aumento della fatica, diminuzione dell'appetito, a causa della quale si verifica una perdita di peso attiva e disturbi del sonno. Poiché la malattia trofoblastica è direttamente correlata all'inizio della gravidanza, è possibile un cambiamento nello stato emotivo di una donna.

Diagnosi di malattia trofoblastica

La diagnosi differenziale della malattia trofoblastica consiste nelle seguenti attività:

  • esame fisico;
  • analisi del sangue e delle urine;
  • istologia dei tessuti della cavità uterina dopo la raschiatura;
  • controllo dell'indicatore hCG;
  • condurre un esame radiografico.

Come ulteriore diagnostica del computer per stabilire la malattia trofoblastica, un ginecologo può eseguire un'ecografia, che mostrerà i cambiamenti nell'utero. Inoltre, questo metodo può rilevare tumori di dimensioni superiori a 4 mm. Come ulteriore segno della malattia, viene considerata la formazione di cisti ovariche di tipo tecaluteina.

Avvertimento! Per mezzo dell'istologia, è tutt'altro che sempre possibile identificare la malattia. Sufficientemente informativo è il prelievo di sangue per determinare il livello di hCG.

I raggi X possono rivelare la presenza di metastasi ad altri organi. Inoltre, all'appuntamento iniziale, il medico conduce un'indagine sul paziente al fine di identificare un'analisi familiare delle malattie. Se i tumori hanno raggiunto una dimensione sufficiente, il ginecologo può sentirli mediante palpazione attraverso il canale cervicale.

Trattamento della malattia trofoblastica

La tattica del trattamento della malattia trofoblastica secondo le linee guida cliniche in ginecologia dipende direttamente dalla sua forma istologica e dallo stadio. Di norma, la terapia include i seguenti tipi di esposizione:

  • chemioterapia;
  • esposizione alle radiazioni;
  • Intervento chirurgico.

Come trattamento antitumorale, si pratica per ricevere e infondere speciali preparati attraverso un contagocce. Con il tipo gestazionale della malattia, il trattamento continua per diverse settimane, seguite da una pausa obbligatoria.

Non appena i sintomi acuti vengono alleviati, vengono eseguiti due corsi aggiuntivi per la prevenzione.

Malattia trofoblastica: sintomi, trattamento, linee guida cliniche

Dopo il trattamento, è necessario il follow-up di un ginecologo per i prossimi due anni.

L'intervento chirurgico è indicato per tumori di grandi dimensioni, nonché per un gran numero di sintomi della malattia. Le principali indicazioni per la rimozione del tumore insieme all'utero sono:

  1. Mancanza di dinamiche positive dalla chemioterapia.
  2. Elevato disagio del dolore.
  3. Eccessivo sanguinamento uterino.

L'uso della radioterapia è praticato per alleviare i segni della malattia, nonché in presenza di metastasi in altri organi. Il trattamento in questo modo è rigorosamente dosato.

Previsioni e possibili conseguenze

Uno dei metodi radicali di trattamento della malattia trofoblastica è la rimozione dei tumori insieme all'utero. Questo, a sua volta, porta all'impossibilità di un ulteriore funzionamento dell'attività riproduttiva. Di conseguenza, l'infertilità può essere considerata come una delle opzioni per le conseguenze della malattia.

Il trattamento corretto e tempestivo della malattia fa sperare in un buon esito per quasi il 100% dei pazienti. La chemioterapia mostra risultati abbastanza buoni, a condizione che sia stata applicata in tempo e non nell'ultimo stadio della malattia, quando le metastasi hanno colpito la maggior parte degli organi.

Le giovani donne spesso riescono a preservare la loro funzione generativa in assenza di intervento chirurgico. Un'ulteriore osservazione e controllo da parte di un ginecologo consentirà nel prossimo futuro di rimanere di nuovo incinta, sopportare e dare alla luce un bambino sano.

Avvertimento! Nell'8% dei casi si osservano ricadute della malattia.

Conclusione

La malattia trofoblastica, caratteristica del periodo di gestazione o dopo la sua interruzione, è una speciale formazione di tumore nell'utero. Può essere benigno o maligno, per cui è diviso in classi e tipi istologici. Una prognosi favorevole con tale diagnosi è possibile solo se il paziente riceve assistenza tempestiva: chemioterapia, esposizione alle radiazioni e chirurgia, se necessario.

Le informazioni e i materiali di questo sito sono forniti solo a scopo informativo. Non dovresti fare affidamento sulle informazioni in sostituzione di consigli, assistenza o trattamenti medici professionali effettivi.

  • Jan 31, 2022
  • 36
  • 0